buy

Buy Puglia 2015: nuovi mercati e strategie per il brand Puglia e per Gravina

Si è conclusa l’ennesima edizione dell’ormai noto appuntamento B2B “Buy Puglia”, organizzato magistralmente da Puglia Promozione, l’Agenzia Regionale del Turismo. Sempre caratterizzata dal successo la presenza della postazione del Consorzio Gravina in Murgia.
Intercettare i nuovi mercati a grande potenziale di sviluppo per il turismo pugliese. E’ questa la novità della terza edizione del Buy Puglia (Bari, 19 – 22 ottobre), il più importante evento di business turistico della regione ideato come occasione d’incontro e scambio tra i buyer internazionali (tour operator, agenzie di viaggio, agenzie di viaggio on line, Organizzatori di meeting, congressi ed eventi, ecc.) e le imprese turistiche pugliesi: 120 buyer internazionali e oltre 130 imprese turistiche pugliesi erano presenti.
“Il Buy Puglia – dichiara il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – è un evento che ci permette di connettere, in un circolo virtuoso, buyer internazionali e imprese turistiche pugliesi. È una cartina al tornasole che ci consente di leggere quanta strada abbiamo percorso, in termini di appetibilità del nostro territorio, e quanta ancora ne resta da fare per rendere sempre più la Puglia un brand turistico di qualità. L’industria turistica è, senz’altro, il cuore di una politica che vuole investire sulla bellezza. La bellezza non può essere un esercizio praticato in solitudine da qualche bravo volonteroso, ma deve diventare il contenuto della azione del governo regionale.Il Buy Puglia 2015 rappresenta una grande occasione per crescere, il tentativo di uscire dalla logica microlocalistica e di costruire una politica regionale del turismo che sappia destagionalizzare e offrire un paniere turistico in grado di attivare “buona economia” per 365 giorni all’anno”.
L’assessore Capone rilancia: “Cresce il turismo straniero in Puglia: +8%. Oltre il 22% in più il traffico internazionale negli aeroporti pugliesi.Abbiamo voluto ragionare sul futuro, costruire nuove opportunità per il territorio e le nostre.”
Come concretizzare questa vision e fare si che non sia una conquista temporanea, ma stabile? Con una strategia comune fra enti locali ed enti pubblici, imprese del turismo, operatori e associazioni che offrono servizi e le agenzie regionali per un “patto” economico e sociale. Una strategia che metta insieme anche Turismo, cultura, moda, artigianato made in Puglia, musica, cinema e spettacolo, strumenti di promozione efficaci che insieme si potenziano. L’obiettivo di questa strategia comune è la valorizzazione delle identità locali che avviene quando si ha consapevolezza della bellezza dei propri territori e si può disporre di incentivi concreti alla internazionalizzazione. E cosi che si possono migliorare sia la qualità dell’offerta che dei prodotti delle imprese”.
Chi “compra” le destinazioni, anche i grandi mediatori dei flussi internazionali, ha oggi, infatti, la necessità di “sperimentare” e costruire le offerte personalmente ed è sempre più alla ricerca di nuove mete. Da questo punto di vista Buy Puglia è uno strumento molto efficace perché offre ai compratori stranieri e nazionali una Puglia organizzata per prodotti turistici “moderni”: turismo attivo, esperienze slow, cultura, ma anche l’offerta del lusso, la Puglia romantica, la Puglia autentica delle tradizioni e dei piccoli borghi, con prodotti tradizionali (il mare e l’enogastronomia) trasversali a tutte le offerte
Per la maggior parte i tour operators internazionali che partecipano al Buy Puglia 2015 non hanno ancora la Puglia in catalogo (si tratta dunque di “nuova domanda”) anche se non mancano i referenti di mercati importanti per la Puglia e da consolidare.
Cosa cercano in Puglia? Soprattutto prodotti turistici destinati a una clientela di medio e alto profilo, in particolare un’offerta legata ai segmenti dell’Enogastronomia e di Arte e Cultura, con il Mare solo al terzo posto e al quarto Tradizioni e Spiritualità; entra nella classifica anche il Turismo rurale, legato a strutture ricettive dall’architettura tradizionale (trulli e masserie) destinate ad una clientela formata per lo più da piccoli gruppi e coppie; una domanda dunque sempre più lontana dai prodotti destinati al turismo di massa e indirizzata invece decisamente sui turismi di nicchia. Il turista straniero in Puglia è, in genere, un turista “raffinato”, sia a livelli alti di spesa che medio bassi e tende a soggiornare in strutture “tipiche”.
L’affermazione del brand Puglia come esperienza da vivere, come nuova destinazione italiana fuori dai circuiti di massa e decisamente ricca di suggestioni, ormai non più solo mare, ma natura, enogastronomia, arte, autenticità e soprattutto godibile tutto l’anno, è avvenuta alimentando la Puglia nell’immaginario collettivo italiano e straniero anche attraverso l’impulso di canali quali il cinema, la musica, gli eventi, gli spettacoli, roadshow e soprattutto la presenza sui canali social con la nuova community online su cui viaggia l’informazione e il dialogo all’estero attraverso l’hashtag #WeAreinPuglia con risultati più che lusinghieri.
“Il Buy Puglia integra e rafforza l’intensa attività di promozione avviata negli anni precedenti da Pugliapromozione per una destinazione di per sé lontana dai circuiti di massa e che si impone sui mercati stranieri come L’Italia che non ti aspetti’ – commenta il direttore generale di Pugliapromozione, Matteo Minchillo – La competizione globale tra le destinazioni turistiche si basa su pochissimi caposaldi: reputazione, organizzazione, differenziazione, fruibilità, presenza sulla rete. La Puglia ha avviato un percorso su tutte queste “aree di lavoro” facendo passi da gigante, ma occorre ancora una maggiore professionalità dell’offerta che realizzi al meglio le vocazioni turistiche e culturali dei territori pugliesi”.
Positivo anche il riscontro di Giuseppe Acierno, Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia: “i nostri aeroporti giocano un ruolo fondamentale nel successo che la Puglia ha meritatamente saputo conquistarsi sul mercato turistico. La grande disponibilità di collegamenti e la presenza di numerosi vettori low cost costituiscono ormai un fattore strategico e un elemento irrinunciabile per supportare il trend di crescita del turismo pugliese, soprattutto a livello internazionale. Questa politica di sviluppo, avviata e realizzata di concerto con la Regione Puglia, sta dando eccellenti risultati sia in termini di crescita del traffico internazionale, da inizio anno sino al 20 ottobre la linea internazionale registra un +22,5% su Bari e Brindisi, sia in termini di destagionalizzazione dell’offerta turistica. E’ altrettanto importante sottolineare come grazie ai collegamenti assicurati da alcuni tra i principali vettori mondiali su strategici hub internazionali, Istanbul, Zurigo o Monaco solo per citarne alcuni, la Puglia si sta aprendo anche a mercati sino a qualche anno fa inimmaginabili e che invece ora rappresentano le nuove frontiere dell’industria turistica regionale”.
La Puglia ha molteplici opportunità di sviluppo turistico anche secondo i turisti stranieri interpellati durante le indagini condotte negli uffici di Informazione e Accoglienza Turistica (IAT) della Regione nell’estate 2015 e coordinate dall’Osservatorio regionale di Pugliapromozione. Nonostante alcuni limiti, la Puglia, infatti, continua a soddisfare chi sceglie di visitarla. Emergono importanti punti di forza della destinazione Puglia: la compresenza di elementi diversi e dotati di unicità; la bellezza dei paesaggi naturali, alcuni di questi ancora incontaminati; un’offerta enogastronomica variegata e di qualità (vino, olio, le ricette tipiche); il calore, l’ospitalità e l’accoglienza degli abitanti. Ma i viaggiatori stranieri in Puglia affermano anche che la Puglia deve ancora crescere per qualità dei servizi, dei trasporti e delle risorse umane e ambientali.